Trucco permanente, ansia eccessiva

Le persone particolarmente ansiose prima di sottoporsi a qualunque trattamento di dermopigmentazione devono acquisire una profonda consapevolezza della loro decisione e maturare la giusta fiducia nei confronti dell’operatore che hanno scelto.
 
Il trucco permanente non è un trattamento pericoloso, doloroso o invasivo, tuttavia è importante ricevere le giuste informazioni dal dermopigmentatore prima ancora di prendere il primo appuntamento.

Seguire il parere di troppe persone

La mia esperienza trentennale è purtroppo piena di casi in cui un eccesso di pareri diversi ha causato nella cliente molta confusione. Se si decide di affidarsi ad un operatore è bene vagliarne la competenza e l’esperienza prima ma, una volta trovata la persona che si reputa adeguata, è molto importante seguire le sue raccomandazioni.

HERPES E TRUCCO PERMANENTE

Non è possibile contrarre l’herpes tramite la dermopigmentazione, assumendo che tutti gli operatori lavorino seguendo i protocolli igienici e di sicurezza previsti dalla legge e dalla propria esperienza.
 
Tuttavia, se la persona ha già contratto in passato l’infezione del virus herpes simplex, questo potrebbe essere riattivato a causa della stimolazione praticata dall’ago.
 
L’herpes simplex infatti una volta contratto può rimanere quiescente nei gangli nervosi per molto tempo e può periodicamente riattivarsi, causando manifestazioni cliniche. Le eruzioni recidivanti possono essere causate dall’esposizione ai raggi solari, malattie febbrili, uno stato di stress fisico ed emotivo, stimoli esterni. Le manifestazioni cliniche possono durare in genere 7-10 giorni, e nel corso del tempo sono destinate – nella maggior parte dei casi – a diradarsi o a scomparire del tutto.
 
Nel caso l’herpes dovesse manifestarsi a seguito di un trattamento di dermopigmentazione basterà seguire le indicazioni del proprio operatore.