La tecnica utilizzata dal PMU (Permanent Make-Up Artist) è simile a quella utilizzata dal tatuatore. Tuttavia, il trucco semipermanente deve essere eseguito da un truccatore-visagista specializzato. Se il tatuatore non ha questo tipo di preparazione non è opportuno che lavori sul viso e sulle sue delicate armonie. Inoltre, i pigmenti utilizzati dal PMU sono per legge ipoallergenici e bio-riassorbibili. Invece i tatuatori lavorano con inchiostri indelebili chiamati Chine. I pigmenti bio-riassorbibili utilizzati nel trucco semipermanente consentono al PMU di apportare nel tempo anche solo piccole modifiche al proprio lavoro, per rendere sempre attuale il trattamento in base ai cambiamenti del viso legati all’età. Infine, le attrezzature utilizzate dal PMU sono molto più delicate e raffinate rispetto a quelle utilizzate dai tatuatori. Sono studiate appositamente per trattare le delicate zone del viso e per rendere il fastidio quasi nullo.